Biblioteca inaugurata nel 2018, da questa amministrazione, e MAI aperta! In che condizioni è oggi tutto il materiale del Fondo Antico?

Quella che vi raccontiamo oggi è l’ ennesima vergogna di questa amministrazione, leggete tutto l’articolo e vi farà capire da chi siamo amministrati e la gravità dell’accaduto.

Era il 22 DICEMBRE del 2018, per cui siamo ormai prossimi ai tre anni, quando l’assessore Granata a nome dell’amministrazione comunale e del sindaco Francesco Italia, riapre ed inaugura la storica sede della Biblioteca Comunale di Siracusa in VIA SAN PIETRO in Ortigia dopo un accurato lavoro di ristrutturazione. Ospiterà il preziosissimo Fondo Antico costituito da libri, giornali e documenti di assoluto pregio.

NE PARLANO TUTTI I GIORNALI, NE LINKIAMO DUE

Queste le dichiarazioni di Granata in quella occasione : ” In essa verranno custoditi e saranno consultabili dei fondi librari Antichi di grande pregio e si riattiverà un nuovo prestigioso presidio culturale. In occasione del centesimo anniversario della fine della 1ª guerra mondiale, abbiamo esposto alcuni giornali d’epoca dell’editoria siracusana, testimonianze della temperie culturale dei primi anni del 900. Una giornata importante per la Cultura siracusana e per la Città “.

QUESTA BIBLIOTECA NON APRIRA’ NEMMENO UN GIORNO, avete letto bene, non è stata aperta nemmeno per un giorno !!!! MAI…E senza nessuna spiegazione.

Attenzione  IL PEGGIO LO LEGGERETE ADESSO

Ci siamo abituati alle dichiarazioni in pompa magna di questa amministrazione che poi si trasformano in bolle di sapone, soprattutto di Granata, ma questa volta la situazione è più preoccupante.

Questi libri, giornali e documenti del Fondo Antico oltre ad essere di inestimabile valore e per questo sono anche sotto la tutela della Soprintendenza per i Beni Culturali, da TRE anni sono depositati in VIA SAN PIETRO, in quella che doveva essere la sede della biblioteca, materiale cartaceo antico e delicatissimo, che era stato da poco restaurato, depositato in una struttura senza sorveglianza adeguata (visto il valore), e in un ambiente probabilmente umido, nel quale, pare, non fu previsto nessun particolare adeguamento della struttura per tenere la temperatura e l’ambiente in una situazione idonea al tipo di materiale. 

IN CHE CONDIZIONE è tutto il materiale? La Soprintendenza di Siracusa in questi TRE anni ha verificato lo stato di questo materiale cartaceo delicatissimo?  Qualcuno ha mai verificato se l’umidità dei luoghi ma anche la natura stessa del materiale  che di per se è soggetto a deterioramento è ancora in uno stato ottimale? Come mai gli organi di stampa  non hanno mai parlato della non aperura  di questa biblioteca dopo aver fatto gli appositi articoli dell’inaugurazione?

Se questo materiale si fosse danneggiato, anche solo in minima parte (e ci auguriamo di no) a chi dare la colpa?

QUALCUNO, CHE NON SIA L’AMMINISTRAZIONE, VUOLE ANDARE A VERIFICARE?

Assessore Granata  ha da dire qualcosa  in proposito? Aspettiamo una sua replica !!! Però questa volta stia attento,  se noi scriviamo qualcosa è perché sappiamo il triplo di quello che scriviamo e ne abbiamo le prove.

Ma in questa città nessuno indaga mai, in questa città tutti si fanno i fatti loro, TUTTI.

Chi si fa i fatti suoi campa 100 anni, e di centenari, Francesco, ne premia tanti.

Forse NOI camperemo poco, ma i fatti nostri non ce li faremo mai…

IN QUESTA CITTA’ SI PUO FARE DI TUTTO, dire di inaugurare qualcosa e poi chi se ne frega, mai aprirla, tanto la gente è scema, dimentica, in questa città ci si può permettere di tenere materiale di estremo valore, così come se fosse in un  deposito. In questa città, nessuno vede e nessuno sente e pochi parlano !!!

S. BELLIO